Sistemare un divano in pelle graffiato dal gatto

Sistemare un divano in pelle graffiato dal gatto
3.8 5 voti

coprire graffi del gatto sul divano

 
vendita tiragraffi scontati
 

Chiunque abbia mai avuto un gatto in casa sa bene quanto i gatti adorino i mobili e gli accessori in pelle, e come in particolare adorino graffiarli e utilizzarli per farsi le unghie. Riparare un divano in pelle graffiato da un gatto non è un’impresa facile, ma è certamente possibile e alla portata di tutti. Per prima cosa bisogna capire che tipo di danno è stato fatto: bisogna infatti distinguere i graffi veri e propri dai danni alla pelle che si verificano quando un gatto “fa la pasta”, ovvero pianta le unghie nella pelle per poi ritrarle verticalmente, senza graffiare.

Nel primo caso la riparazione è in realtà molto semplice: se il danno è contenuto alla superficie in pelle, infatti, è sufficiente acquistare un balsamo o una crema colorante in un colore il più possibile simile a quello del vostro divano, e passarlo sul graffio per renderlo meno visibile. Questo passaggio può essere ripetuto più volte se necessario, rendendo così i graffi sostanzialmente invisibili. Se invece i graffi sono profondi e riguardano tutto lo spessore del divano, tendenzialmente non sarà possibile ripararlo in casa e sarà opportuno rivolgersi a un professionista.

Nel caso di danni del secondo tipo, invece, la situazione è un po’ più complessa: con le proprie unghie, infatti, i gatti riescono a far fuoriuscire le fibre della pelle, dando così al divano un aspetto vecchio e trascurato, da maglione infeltrito. In questo caso dunque il primo passo consiste nel tagliare tutte le fibre che sporgono, facendo attenzione a tagliare il più possibile vicino alla superficie del divano ma senza rovinarlo ulteriormente. Vi servirà poi della colla per pelle, che metterete su una spugnetta e spargerete su tutta la zona da riparare. Dovrete ripetere questa operazione almeno 7 volte, facendo attenzione a far asciugare completamente la colla tra una mano e l’altra.

Successivamente, dovrete prendere della carta vetrata molto fine e carteggiare la superficie sulla quale avete messo la colla, lisciandola il più possibile e rimuovendo gli eventuali strati troppo spessi. A questo punto vi servirà uno stucco per pelle, che applicherete in una o due mani facendolo asciugare per circa mezz’ora ogni volta. Tenete presente che lo stucco generalmente è di colore neutro, quindi dopo averlo applicato sarà necessario applicare una crema colorante. Non appena lo stucco sarà asciutto, potrete nuovamente scartavetrare il tutto e passare alla fase successiva.

A questo punto è necessario pulire bene la pelle con un apposito detergente, in modo da rimuovere qualsiasi traccia di polvere possa essere stata lasciata dalla carta vetrata e permettere al colorante di prendere bene. Procedete dunque con una o due mani di colorante, spray oppure da applicare con una spugnetta, lasciate asciugare e successivamente applicate un sigillante per pelle in modo tale da mantenere bene il colore. L’ultimo passo consiste nell’applicare un finish per pelle, ovvero un prodotto lucidante e rinnovante che possa proteggere il vostro divano dal normale uso. Il finish potrà essere applicato su tutto il divano, non solo sulla zona che avete riparato.

Una soluzione alternativa per tamponare il problema del divano graffiato è proteggerlo adeguatamente. Questa soluzione sembrerebbe funzionare: va sistemato sotto il copridivano un telo di imbottitura in poliestere, quelli generalmente venduti al metro nei centri come Brico o LeroyMerlin. Sono spugnosi e sottili e consentono di sistemare il divano sia sulla seduta oppure solo lateralmente ai bordi. Se il tessuto del copridivano non si sfilaccia, la gatta tende a non affondare le unghie nella spugna. Non trovando “pane per le sue unghie affilate”, cerca un oggetto diverso dimenticandosi col tempo del divano. Posizionate come già raccomandato il tiragraffi acquistato in soggiorno proprio vicino al divano in pelle e vedrete che funzionerà.

Ti potrebbero interessare...