Gatto norvegese

Gatto norvegese
4.1 12 voti

gatto norvegese




 

Storia

Il gatto norvegese è originario della Norvegia, la cui storia risale a centinaia e forse migliaia di anni fa. Questo felino, infatti, figura nelle fiabe e nelle leggende, una delle quali è che il carro della dea nordica Freya che è trainato da sei gatti giganti.

Dove o come sono nati i gatti rimane un mistero, ma potrebbero essere i discendenti dei gatti a pelo lungo della Turchia, portati indietro da Bisanzio e dai guerrieri scandinavi che servivano l’impero bizantino. Si suppone che potessero far parte dei bottini vichinghi, oppure più semplicemente il risultato di una selezione naturale: gatti a pelo corto, i cui adattamenti al clima rigido e quasi artico producevano discendenti con sottopelo lanoso.

Nel 1938, i gatti furono esposti ad uno spettacolo ad Oslo, ma la Seconda guerra mondiale interruppe ogni progetto per svilupparli come razza.

Fortunatamente, sopravvissero alla guerra e nel 1977 furono finalmente registrati come razza dalla Federazione Internazionale Felina d’Europa.

Due anni dopo, una coppia fu esportata negli Stati Uniti per la prima volta. Da allora la razza è diventata popolare anche in America.

 
 
Taglia

Questi sono grandi felini: i maschi possono pesare da 6 a 15 kg. Tuttavia, matura lentamente e non è completamente adulto fino al raggiungimento dei 5 anni di età.

 
 
Personalità

Il gentile e amichevole gatto norvegese è affezionato ai membri della famiglia, ma non richiede costante attenzione e coccole.

È soddisfatto di essere nella stessa stanza con le persone, ma si divertirà ugualmente se è solo a casa.

Sebbene apprezzi la compagnia umana, può essere un po’ riservato nei confronti degli ospiti. Tuttavia, neanche con i membri della famiglia è molto vivace, ma dei grattini tra le orecchie o sotto il mento sono sempre i benvenuto per lui.

Comunica con il classico rigore scandinavo: la sua voce sommessa viene impiegata solo quando ha bisogno di qualcosa e salta in braccio solo se viene ignorato.

 
 
Salute

I gatti norvegesi sono generalmente sani, con una lunga durata di vita compresa tra 14 e 16 anni.

Tuttavia, le seguenti malattie sono state osservate nella razza: cardiomiopatia ipertrofica, una forma di cardiopatia ereditata in alcune razze feline come il Maine Coon; malattia del rene policistico, una condizione genetica che distrugge progressivamente i reni; displasia retinica, un difetto dell’occhio che provoca macchie sulla retina, ma non peggiora la vista del gatto.

 
 
Cura

Spazzolare o pettinare il lungo pelo del gatto norvegese una o due volte alla settimana, usando una spazzola o un pettine di acciaio inossidabile.

Se ci sono grovigli, scioglierli delicatamente in modo da non ferire il gatto. Con il cappotto praticamente impermeabile, è quasi inutile fargli il bagno.

 
 
Caratteristiche fisiche

Il gatto norvegese è famoso per il suo cappotto lungo, spesso, bello e di grandi dimensioni.

La testa ha una forma triangolare rovesciata, puntata sul mento e poi allargata su ciascun lato verso le orecchie medio-grandi.

I grandi occhi a mandorla sono verdi, dorati o ramati, sebbene i gatti bianchi possano avere occhi blu.

Il corpo moderatamente lungo sembra potente, con il petto ampio e le cosce muscolose.

Grandi zampe rotonde hanno folti ciuffi di pelo tra le dita. La coda cespugliosa è lunga quanto il corpo.

 
 
Rapporto con bambini e altri animali domestici

L’amichevole gatto norvegese è una scelta perfetta per famiglie con bambini e cani.

Ama l’attenzione che riceve dai bambini che lo trattano educatamente e con rispetto, e non gli dispiace giocare con loro.

È felice di vivere anche con altri gatti e con i cani, grazie al suo temperamento.

 
 

Fotografie del Gatto Norvegese

Le bellissime immagini della razza felina norvegese.


Fonte: Pinterest
 



Ti potrebbero interessare...